Logo
.
...Data martedì 25 febbraio 2020
...Visite ad oggi 668272  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:Antologia dell'Immaginario collettivo di ieri e di oggi
   
L'Immaginario aliese, nella poesia_2
 
modello_tabelle per retaggio

nr. d'ordine 1

Lu mè paisi


La terra unni nasciu è terra Santa,
terra di sangu e antichi patimienti
unni la genti è allegra e ridi
e canta puru s'è china di dulura scienti!

Lu me paisi è fattu vaddi e buoddi,
è cunturnatu di muntagni e vaddi,
chi lu viddanu scassa cu li spaddi
e a picca a picca cci lassa la peddi!

Na peddi scura comu terracotta,
na peddi fatta a prova di scupetta,
na peddi a ogni fatìa provata e rutta
fatta a prova di tronu e di saetta!

È un paisieddu comu cci nn'è tanti,
cu genti onesta e quarchi dilinquenti,
cu genti bona e quarchi priputenti,
c'è quarchi diavulu e cci sunnu li Santi!

La Matri di li Grazi lu pruteggi,
l'Alia paisi comu tanti atri,
comu lu picuraru ca pruteggi
li picureddi pi scantu di li latri!

Cirinè (Italo Runfola)
_____________________________

nr. d'ordine
2

Omaggio ad Alia

Saluti miei ti mando
oh Alia bella;
accèttali di cuor,
sono aliese,
sono emigrato qui
in questa grande terra;
e piango
chè da te sono lontano.

Se leggere potessi nel mio cuore,
vedresti un manto di malinconia.
Non trovi più una traccia
della gioia,
dal di che stavo nella terra mia,
là dove ancora sta la casa mia,
dolce dimora
che io abbandonai.

Balia sei stata
dell'infanzia mia
dove beatamente mi allevasti
con le carezze della mamma mia.
Oh! Vil denaro
che conduci l'uomo
dove tu vuoi
e lo fai pentire
di averti avuto affetto
assai mi duole
la colpa è tua
del mio tanto soffrire.

Questa è la vita che fa l'italiano
lavoratore in questa grande terra,
che da te partì robusto e sano
e ora coi reumatismi
assai si lagna.

Vito Marchiafava
______________________

nr. d'ordine 3

Alia

Lu mè paisi è supra na muntagna,
e lu friddu si senti quannu arriva [...]

Giovanni Gibiino
______________________

nr. d'ordine
4

Al mio paese

Sorgi imponente come una matrona
nel mondo reale e nella fantasia,
con le tue vecchie strade alla carlona
per me pien di ricordi e poesia.[...]

Autore ignoto
______________________

nr. d'ordine 5

Lu duj di lugliu

Lu duj di luglio all'Alia è festa granni,
picchì è la festa di la Santa Matri,
si torna all'Alia di tutti li banni
ccà, ‘nta la terra di li viecchi patri.

Di la Germania, la Francia e l'Inghilterra
tornanu li divoti paisani,
fussi lu munnu 'npaci o fussi 'nguerra
tornanu di li terri cchiù luntani

Tornano p'abbrazzàrisi a la matri
chi l’addivàu sutta la faretta
e pì prigari la Matri di Diu Patri

A lu Cravaniu, com'è tradizioni,
si fà sempri la fera di l'armali,
muli, cavaddi e vacchi a profusioni
spittaculu accussì nunn'avi aguali

Ddà 'nta la Santa casa, a la Matrici,
missa cantata, ncienzu e campaniati,
la Vergini Maria benefattrici
nn'abbrazza e nni pirduna li piccati.

Splinnuri d'oru e ninfi di cristallo
e n'prima fila c'è l'autorità,
fimmini e spaddi nuri, senza sciallu
fannu gran mustra di modernità.

Parati a festa sunnu li parrini,
riccu l'artaru d'oru priziusu,
canta lu coro di li circulini
cu l'organu chi sona maistusu.

C'è sempri a la finuta di la missa,
na guardia di picciuotti fricaluori,
cu l'uocchiu muortu e la facci di fissa
ncerca di donni bieddi e senza cori.

Quannu nesci la Santa prucissioni,
quasi a migghiara e tutti a pieri 'nterra,
mantinièmu li nostri purmisioni
a la gran Matri di la nostra terra.

Chini li strati sù di luminari,
suonu di banna e sparu di mascuna,
li fimmini s'addicanu a mustrari
li miegghi cutri 'nta li finistruna.

La sira jamu tutti 'nta la chiazza
pì musica canzuni e puisia,
cu 'ncontra amici li vasa e l'abbrazza,
cu amici unn'avi di latu si canzia

Tuttu finisci 'nta li matinati
quannu attacca a calari la muddura
l’uocchi sù stanchi e li jammi tagghiati.

Tutti a li casi e la menti a Maria
ca d'ogni mali n'av’a liberari,
nnav'a sarvari di la morti ria
paci e saluti a tutti nn'av'a dari.

Cirinè (Italo Runfola)
_____________________________

nr. d'ordine
6

Lu ritornu di l'emigranti


O paesani ca all'Alia turnati
pi la Madonna, 'nta Austu e pi Natali,
vi jti cassariannu pi li strati
cu mossa principesca e barunali.

Siti vistuti di mille culura,
d'abiti fini e tagghiati a la moda,
lu vostru passu nunn'avi primura
la vostra caminata e soda soda.

Fumati sicaretti profumati,
diciti jà, diciti sciù, diciti né,
ntà circuli e cafè vui vi firmati
faciennu cumplimenti a cuegghiè.

Cu màchini di marchi furastieri,
facìti scrusciu e l'aria 'mmilinati;
'ntà strati, chiazzi, vaneddi e trazzeri
curriti comu tanti assatanati.

Finìstivu di curriri addicati
pi fari na iurnata di zappari,
di caminari cu robbi sfardati
di fari stienti tantu pi campari.

Li vostri manu nun hannu cchiù caddi,
aviti anedda d'oru 'nta li ita
e dànnuvi la manu ...'nta la peddi
nun sientu cchiù lu duru di la crita.

La vostra peddi bianca e prufumata,
diventa russa all'uocchiu di lu suli,
e nun profuma cchiù tutta l'annata
d'erva, di stadda e suduri di muli.

La lingua chi parrati è 'mbastarduta
e lorda di parole d'atri stati,
di lu parrari muostro la caduta
vui malamente ormai l'arruzzulati.

Va beni lu prugressu e li dinari
scurdari fami, stienti e mal'annati,
ma quannu vi scurdati lu parrari
vi dassi 'ntesta milli vastunati

Cirinè (Italo Runfola)
_____________________________


 
     
Edizione RodAlia - 18/02/2010
pubblicazione consultata 2146 volte
totale di pagine consultate 626124
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -