Logo
.
...Data martedì 25 febbraio 2020
...Visite ad oggi 668269  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:Antologia dell'Immaginario collettivo di ieri e di oggi
   
L'Immaginario aliese, nella poesia_1
 
modello_tabelle per retaggio
nr. d'ordine 1

L'Alia

Lu mè paisi, si nun lu sapìti,
è fattu piddaveru malamenti!
Addumannati, si nun mi crediti,
a quarchi dottu storicu sapienti!

Ntà lu mille e seicientuvinti circa,
ncapu li zuocculi d'un viecchiu casalinu,
almenu chissu mi dici la ricerca,
un nobil'omu fici un malasenu!

A picca a picca, attuornu a ddu ddammusu,
nascieru casi, staddi e pagghialori,
e, ‘ntà lu mienzu, com'era bon' usu,
la genti fici un tempiu a lu Signuri.

Nun c'era chianu, ma vadduna e timpi
e lu paisi pigghià lu viersu d'iddi,
vi dicu sulu pi farivi esiempi
Carriniscìu tuttu vaddi e buoddi!

Spuntaru a unu a unu li quartieri,
lu Rabbatieddu, lu Chianu e Maccarruni,
cu li chianiuoti e cu li matriciari
ca si sciarrìanu ma si vuonnu beni.

Pua c'è Puzzu di Mesi e l'Acqualonga
Cuozzu di Pippa, Pernici e Funtanedda,
l’unu cu l'autru s'abbrazza e s'agganga
anche si mancia a la stessa maidda!

Parru di l'Alia 'npruvincia di Palermu,
di l'Alia cantu li genti e li così,
cci vuogghiu tantu beni a cori fermu
picchì, bruttu com'è, è lu mè paisi!

Cirinè (Italo Runfola)
__________________________

nr. d'ordine 2

Alia, il mio paese

Finché si va e viene dal paese,
immaginiamo tutto indifferente:
quelle strade, quelle porte, quelle case,
quei tetti e le finestre, sono niente..

Gli alberi, sono alberi qualsiasi,
ma, quando si è lontani dal paese,
ti accorgi che ti son tanto cari
i cortili e le vie più scoscese.

Quei muri ti sono necessari,
quegli alberi ti sono prediletti,
abbiamo lasciato i cuori in quei selciati,
tutti quei luoghi li tieni stretti, stretti.

E’ dolce il ricordo. ..mi rincuora!
Le campane che suonano a distesa.
L'orologio che scandisce il quarto e l'ora,
la gente ti vuole bene senza pretesa.

Mi ostino a non cambiare nulla:
il silenzio, la pace, il paradiso,
quel paese che è stato la mia culla,
il viso di mia madre. .. il suo sorriso..

Margherita Catalano
__________________________

nr. d'ordine 3

Alia ni ferma lu sciatu

Oh Alia, paisetto di montagna,
fusti la culla di l'infanzia mia.
Ja ti lassaiu quannu avia vint'anni,
n'aju settanta e sempri pienzu a tia.

Chiancìa quannu ti lassaiu,
comu si eri la matruzza mia.
Tuttu na la menti m'arristau
e dintra l’uocchi la fotografia.

Parlari ti putìa di tanti genti
e di li beddi amici chi tinìa.
Pittàri ti putissi cu un pennello
e picch' issu tiegnu tanta nostalgia.

La curpa nun fu tua e mancu mia,
quannu partìu e nun ti salutaiu.
La curpa è stata di lu pussidenti,
ca a tutti quanti schiavi ci tinìa.

E quannu chiù nun potti suppurtàri
senza pinzàri a chiddu chi facìa,
pigghiaiu lu trenu e m'alluntanai,
lassannu dietru a mia tanti ricordi
li chiù beddi di la vita mia.

Ora, cu Pinu Granata,
ti mannu un salutu,
ca puru iddu di tìa è namuratu.
Parràmu di tìa ogni minutu,
diciennu:Alia ni ferma lu sciatu" .

Pino Marchiafava
__________________________

nr. d'ordine 4

Plur Alia

It‘s Alia Arabian noun,
and better an adnoun
that means Very High,
Very Tall, par excellence...

Her people say to
she is very beautiful,
in the spring, in the summer
in the fall, in the winter,
under burka of fog,
white snow, white blooms
of ammond, maiu-flowers...

Fumu biancu d'erva bianca
di 'na stanzia a Santa Lena,
à sept heures du matin,
già lu suli a la ghiuttena...
Veste bianca, bianco velo
di 'na zita giugnittina...
E la jatta si marita,
cu la cuoppula di sita...

Didacus
__________________________





nr. d'ordine 5

Sessant’anni

E sù sessant’anni chi fazzu sta via
di l’Alia a li Listi, a la chiusa mia.
A la vigna, a l’alivi, a li ficurini, l’uortu
e l’arvuliddi mia e puru un peri di lumia
tantu ci haiu datu, ma tantu hannu datu a mia
tiniennucci bona compagnia.

Quantu ricordi, quanta nustargia!
Ad ogni arvulu e ad ogni passu ci aiu na storia
ca mi porta n’arrietu cu la memoria:

stori di prieiu e di siddìu, di prugetti e di spiranzi
consumati cu Maria,
ca fu lu chiuvu di la me picciuttanza
e ora cumpagna ‘na la vita mia.

Pino Minnuto
__________________________

nr. d'ordine 6

L'aria di lu me' paisi

Mi piaci l'aria di lu mè paisi,
ca è frisca e prufumata di ginestra;
mi piaci lu culùri di li casi,
c'ammustranu li grasti a la finestra!

Mi piaci caminari pi li strati
sìanu pinnini e sìanu muntati,
sìanu 'ncuticchiati o abbalatàti,
cunsunti di lu tiempu o ammudirnati!

Mi piàcinu li vuci di li mastri,
li ficu ad'asciucàri 'nta li gghistri,
di li muntagni li macchi d' alastri,
e li troffi aggiuvittati di l'agghiastri!

Mi piaci chiacchiàriari c'un scarparu,
lu suonu di la 'ncunia d'un firraru,
lu sciàvuru di pani d'un furnaru,
lu lientu cantu di lu picuraru!

Mi piàcinu li tetti di li casi,
li vicchiarieddi chi filanu li fusi,
lu sciàvuru di 'ncienzu di li chiesi,
mi piaci l'aria di lu mè paisi!

Cirinè (Italo Runfola)
__________________________


nr. d'ordine 7

Lu me' paisi

Tutti adornati di gelsominu e rosi,
su’ li balcuna di lu me’ paisi,
‘nta ddi vaneddi stritti e profumati
di cosi duci, o di cosi cucinati.

Ogni ddu’ passi cceni ‘nu scaluni,
‘cchianati e scinnuti senza fini,
la genti anziana sta ‘nta li so’ casi
e nesci sulu ppi fari la spisa.

Quannu ci vaju mi sentu a me’ casa
cu mi canusci m’abbrazza e mi vasa,
sannu cu sugnu, cuè la me’ famigghia,
comu mi chiamu e di cu sugnu figghia.

Però, quannu talìu ddi porti chiusi,
mi mori ‘u cori, mi parunu pietusi,
si nni su ghiuti tutti, ad unu ad unu,
d’intra a ddi casi non c’è cchiù nessunu.

E dda casuzza mia nica e fistusa,
‘ristau abbannunata e pietusa,
muta tant’anni, la so’ porta chiusa
taliu di fora, ma d’intra non ci trasu!
Pienzu, ca c’era misu ‘nto ‘ncantiddu,
ppi’ l’acqua frisca, ‘nu beddu bummuliddu.

Supra ‘a finestra a gaggia co’ cardiddu,
tutti i matini n’arrisbigghiava iddu.
Ora su’ ddà, lassati abbannunati,
chiusi a lu scuru, senza cchiù circati!
Iu li lassai! La me vita ora è ccà,
ma lu me cori è ppi’ sempri ddà!

Tina Barbirotto
__________________________


nr. d'ordine 8

O Bedda Matri c'a lu munti siti

O Bedda Matri c'a lu munti siti
di lu bieddu paisi di Lalia,
fattu di strati tutti in pinnenza,
di Maccarruni a la Funtanedda,
ca quannu la genti nesci di dintra,
milli voti, a Vui si raccumanna,
e quannu Diu rapi li catarratti
e li stratuzzi vadduna addivèntanu
allura siti, pì nui Navicella
et Marìs Stella fulgidissima,
e cu voli grazzi e a Vui nun ricurri,
sua desianza vuol volar sanz' ali...

Quannu talìu la to 'facci amurusa,
mentri c'addatti a lu Bamminieddu,
ia sbuttu a chianciri di commozzioni
e, nni lu stessu tiempu, di duluri,
picchì pienzu a mè matri Carmela,
c 'assà mi manca, e puru a lu munti,
nna Matri c' è chi ghinchi li mancanzi
e 'u mi fa sentiri orfanu e sulu,
ca, cu li fìgghi di me ' pà e mè mà,
cci su ' li frati e suoru di lu munnu
ca ricanùscinu a Vui pi Matri.

Tu sì Matri di tutti e Mammàna,
picchì, si 'n 'Alisi veni a lu munnu,
a Marcatubiancu, Mèlton, Marrèro,
"Maria!", ti chiamanu, "di Li Grazzi",
"Maria, ven'a dunacci 'na manu!... ".
Bedda a lu munti, bedda in pricissioni,
lu dù di Lugliu di tutti l'anni,
pi omnia saecula saeculorum...

Bedda cu lu mantu e senza mantu,
bedda a Staten Island e a Tickfaw,
unni l'alisi c' all'Alia nun viennu,
Maria di Li Grazzi, ogn 'annu, acclàmanu,

Didacus
_______________________


 
     
Edizione RodAlia - 16/02/2010
pubblicazione consultata 2856 volte
totale di pagine consultate 626122
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -