Logo
.
...Data martedì 25 febbraio 2020
...Visite ad oggi 668256  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:L'aspetto del territorio e del centro abitato
   
Cassola
 

immagine allegata

mappa della provincia di Vicenza



Cassola fu nel periodo preromano un crocevia tra le genti paleovenete in quanto a nord del suo territorio esisteva un percorso che metteva in contatto i vari insediamenti esistenti all'epoca.
Il ritrovo di molti reperti archeologici romani, hanno ulteriormente confermato la presenza di tale pista ed inoltre si suppone che il territorio di Cassola era abitato già in epoca romana.
Le successive invasioni barbariche dovute alla caduta dell'impero di occidente, spinsero progressivamente gli abitanti di Cassola ad abbandonare la pianura per rifugiarsi nelle vicine montagne.
Dopo la dominazione longobarda e la successiva da parte dei Franchi, Cassola passò sotto l'influenza di Padova e del suo vescovo per concessione di Berengario I re d'Italia nel 915.
Verso la metà del decimo secolo il territorio di Cassola venne protetto da una cinta muraria per difendersi con maggiore efficacia dalle incursioni degli Ungheresi. Prima di giungere alla consegna di tutto il comprensorio bassanese alla Serenissima nel 1404, Cassola venne dominata prima dai Vicentini poi dagli Ezzelini e successivamente dagli Scaligeri. Sotto Venezia il territorio di Cassola visse un perido di relativa tranquillità e prosperità. Alla caduta dei Veneziani, tutto il comprensorio venne dominato prima dai Francesi successivamente dagli Austriaci fino all'annessione al regno d'Italia. Nel 1870, dopo molteplici vicissitudini, Cassola si vide delimitato e riconosciuto il suo territorio (in precedenza era accumunato al territorio di Pove).

tratto da “Associazione culturale classitaly”


Il nome del paese, assecondando la prima citazione del 1085, deriverebbe da una "Casasola" esistente quando la zona era ricoperta da boschi secolari. Negli antichi atti di curia e in quelli notarili del 4-500, invece, si trova spesso la variante "Capsodula", cioè "Cassa piccola". Ma è sicuramente la prima e più antica denominazione che risulta essere predominante nei documenti e che, dopo tutto, venne privilegiata quando si trattò di richiedere uno stemma civico per il Comune. La pratica relativa fu voluta ed avviata, nel 1910, da mons. Pietro Brotto, nativo di Cassola, e trovò coronamento soltanto il 13 ottobre 1927 con la concessione di Vittorio Emanuele III del suddetto stemma..........

tratto dalla sezione Storia, linkata al sito del Comune di Cassola. - vai al sito -



immagine allegata


Il palazzo comunale

 con antistanti piazza e monumento ai Caduti

 

immagine allegata


il centro storico del Comune

 

immagine allegata

 
il Duomo


immagine allegata


la stazione ferroviaria


immagine allegata

 
la piazza san Marco
 

immagine allegata


veduta panoramica


immagine allegata


le scuole


immagine allegata

 
la scuola media

 

immagine allegata

 
la palestra

 
 
     
Edizione RodAlia - 23/03/2009
pubblicazione consultata 3570 volte
totale di pagine consultate 626112
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -