Logo
.
...Data venerdì 7 ottobre 2022
...Visite ad oggi 830647  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:Aspetti religiosi
   
IL VANGELO DELLA DOMENICA,1/05
a cura di Don G. Silvestri
 

immagine allegata



IL VANGELO DI DOMANI – 1 MAGGIO

III - DOMENICA DI PASQUA (C) GIOVANNI 21,1-14



In quel tempo, Gesù si manifestò di nuovo ai discepoli sul mare di Tiberìade. E si manifestò così: si trovavano insieme Simon Pietro, Tommaso detto Dìdimo, Natanaèle di Cana di Galilea, i figli di Zebedèo e altri due discepoli. Disse loro Simon Pietro: «Io vado a pescare». Gli dissero: «Veniamo anche noi con te». Allora uscirono e salirono sulla barca; ma quella notte non presero nulla. Quando già era l’alba, Gesù stette sulla riva, ma i discepoli non si erano accorti che era Gesù. Gesù disse loro: «Figlioli, non avete nulla da mangiare?». Gli risposero: «No». Allora egli disse loro: «Gettate la rete dalla parte destra della barca e troverete». La gettarono e non riuscivano più a tirarla su per la grande quantità di pesci. Allora quel discepolo che Gesù amava disse a Pietro: «È il Signore!». Simon Pietro, appena udì che era il Signore, si strinse la veste attorno ai fianchi, perché era svestito, e si gettò in mare. Gli altri discepoli invece vennero con la barca, trascinando la rete piena di pesci: non erano infatti lontani da terra se non un centinaio di metri. Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e del pane. Disse loro Gesù: «Portate un po’ del pesce che avete preso ora». Allora Simon Pietro salì nella barca e trasse a terra la rete piena di centocinquantatré grossi pesci. E benché fossero tanti, la rete non si squarciò. Gesù disse loro: «Venite a mangiare». E nessuno dei discepoli osava domandargli: «Chi sei?», perché sapevano bene che era il Signore. Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede loro, e così pure il pesce. Era la terza volta che Gesù si manifestava ai discepoli, dopo essere risorto dai morti. Parola del Signore.




immagine allegata

Dal brano del vangelo ricaviamo perciò qualcosa che attiene oggi alla nostra identità di cristiani. Se, infatti, l’Eucaristia - l’atto cioè dello spezzare il pane - è il momento in cui Egli si manifesta a noi, Signore risorto e vivo, allora tale celebrazione va recuperata alla sua dimensione tipicamente pasquale e nuziale che, al momento, a me sembra molto smarrita o del tutto mortificata. Per noi credenti è davvero urgente recuperare una nuova e consapevole partecipazione all’Eucaristia; la quale, privata della costitutiva dimensione pasquale, diventa spesso rito vuoto e insignificante, rappresentazione sacrale esteriore e manifestazione religiosa solo formale.



Questo, poi, - a pensarci - il motivo di una fede scialba, priva di vitalità, spesso inconsistente e incoerente; e il motivo di una vita cristiana del tutto sganciata dal vangelo, priva di vitalità e di aderenza all’insegnamento di Cristo Signore. L’eucaristia, insomma, banchetto attualizzante la presenza del Risorto Sposo della chiesa, purtroppo non tocca più di tanto la vita dei partecipanti e ha cessato di essere momento assolutamente trasformante della vita. Convito attualizzante la frazione del pane e la partecipazione al calice, cioè il dono Sua vita donata per noi, la messa ci vede spesso muti e freddi spettatori di un rito stanco e noioso in chiesa e cristiani mediocri e incoerenti nella vita quotidiana e sociale.



C’è perciò un grande vuoto da colmare nella coscienza dei cristiani. Nelle nostre celebrazioni eucaristiche non c’è ombra della dimensione ‘pasquale’ e ‘nuziale’. Siamo all’amnesia totale, all’oblio di ciò che invece è essenziale alla vita di fede dei credenti. Il banchetto eucaristico è da recuperare a memoria viva della Pasqua; da strappare alla miserevole condizione di ‘precetto’ formale, di ‘obbligo’ canonico o di ‘devota pratica’ da sbrigare in fretta e furia alla domenica.



C’è molto da fare, per strappare la cena pasquale del Signore morto e risorto all’abitudine e alla noia cronica, allo strapazzo di un rito freddo e indifferente, ad una gestione sacrale leggera, frettolosa e insipida. Molto da fare perché il memoriale vivo della cena del Signore, banchetto nuziale e festoso, momento comunitario di gioioso incontro col Signore risorto, non sia lasciato alla morbosità bigotta di una pietà individualistica o alla deriva di una partecipazione anonima, passiva e inconsapevole.



Occorre, a tutti i costi, restituire all’Eucaristia il suo carattere mirabilmente rigenerativo della fede e la sua dimensione di banchetto celebrativo e giubilare dell’alleanza nuziale tra Cristo e la Sua sposa. Occorre ridare al banchetto eucaristico il suo timbro propriamente gioioso, festoso, ovvero il suo carattere propriamente fraterno, comunitario, dinamico, coinvolgente. L’eucaristia è evento trasformante la vita e il cuore di chi vi partecipa, esaltante momento di gioia e di comune gaudio sponsale. Tutt’altro che rito compassato e ripetitivo, il convito eucaristico è divinamente generativo di forte comunione, di calda relazionalità, di condivisione e di solidarietà profonda, di umile servizio e di gioiosa accoglienza reciproca fra coloro che il Signore chiama ad essere membra del Suo stesso corpo. Per dirla tutta, l’Eucaristia è rivoluzione perenne della vita di ognuno e di tutti; solenne contestazione di ogni forma di individualismo ed egoismo. Il banchetto eucaristico, in quanto ‘banchetto’, è denuncia profetica di un mondo lacerato da prepotenze, da odi e invidie profonde, da scandalose lotte e guerre fratricide.



La ‘frazione del pane’ eucaristico, in quanto condivisione gioiosa dell’unico pane, è ferma condanna di una società divisa, dilaniata da ingiustizie e discriminazioni, dove sono ancora negati l’uguale dignità di ogni uomo, l’uguale diritto di tutti a godere delle risorse della terra e l’uguale diritto a sedere all’unica mensa dei figli di Dio.

A pensarci bene, prima di sedere al banchetto nuziale dell’eucaristia, dovremmo tutti guardarci ‘prolungatamente’ allo specchio della nostra coscienza!

 

 
     
Edizione RodAlia - 01/05/2022
pubblicazione consultata 49 volte
totale di pagine consultate 763953
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -