Logo
.
...Data martedì 25 febbraio 2020
...Visite ad oggi 668257  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:L'aspetto del territorio e del centro abitato
   
Centro storico (Pove del Grappa)
 
immagine allegata   



immagine allegata

 

immagine allegata

 

immagine allegata

 

immagine allegata              immagine allegata

 


POVE

L'aria, pulita da una brezza continua, porta il profumo dei boschi. Tra le case, nei poderi, cresce e si sviluppa l'olivo: questa pianta antica e quasi magica, simbolo di tenacia e fede, ha trovato a Pove una culla climatica favorevole entro cui crescere e prosperare.

L'olivo è importante nella tradizione locale: dal 1982 si svolge, la domenica delle Palme, una importante Mostra Mercato che attira operatori economici e cittadini forestieri.

L'economia, in genere, ha ritrovato, con più moderne concezioni nella conduzione dei campi e nell'allevamento del bestiame, nella piccola industria, ma soprattutto nell'artigianato, nuovo impulso, portando benessere e frenando l'emigrazione.

Purtroppo arti antiche, come quella dello "Scalpellino" che faceva dei maestri povesi i capostipiti di una scuola nota in tutto il mondo, sono quasi estinte.
D'altro canto il fascino ed il romantico ricordo di oggi si contrappongono al duro e difficile lavoro di ieri legato al dramma dell'emigrazione in terre lontanissime. Il recupero di questa tradizione, che ha visto nel Civico Museo il suo aspetto saliente, concorrerà a tener viva l'identità del paese, una peculiare identità che traspare dai circa 50 Capitelli votivi sparsi sul territorio comunale, nonché dall'altare maggiore della chiesa parrocchiale risalente al 1700. Altre testimonianze di storia si possono trovare nell'antica Chiesetta di San Pietro (X Sec.) e in quella di S. Bartolomeo (antecedente al 1000) immersa nel verde dei cipressi lungo la riva sinistra del Brenta.

Le "Feste quinquennali" del Cristo sono l'avvenimento principale della vita di Pove fino dal 1500. Le sue componenti sono varie perchè alla prima matrice religiosa si sono uniti, con i tempi, motivi culturali laici, ma sempre legati al paese, che ritrova maggiormente se stesso: è proprio in questa occasione che molti emigrati o loro figli ritornano ai luoghi mai dimenticati e mantenuti vivi dalla nostalgia. Durante le prime domeniche del mese di settembre, ogni cinque anni, sotto gli innumerevoli archi eretti lungo le vie, dalla vicina Bassano si può ammirare il magico chiarore di centinaia e centinaia di luci che squarciano, quasi gemme di fuoco, il buio di notte.

A quota 1050 s.m. si erge la Colonna, dono della città di Roma, a ricordare che lì a Ponte San Lorenzo, sul massiccio del Grappa, fu fermata l'incalzante offensiva austroungarica. Con il Monte Asolone, ricco di Malghe e pascoli, ha termine il confine montano del territorio comunale che, dalla riva sinistra del Brenta, si inerpica fino a quella parte del Massiccio così legata all'ultimo Risorgimento.

Pove è cambiata e al visitatore di ieri appariranno grandi i mutamenti. Ampie strade e parcheggi, nuovi edifici pubblici per più efficienti servizi, impianti sportivi e ricreativi, unitamente all'edilizia privata hanno dato un volto nuovo al paese. Ma è un nuovo accettato dal vecchio e dall'antico perché li rispetta. A non stravolgere l'identità del paese hanno concorso tutti, perché al di là delle divisioni politiche, dei contrasti e delle umane passioni, tutti si sentono soprattutto, e da sempre, Povesi


Fonte: http://www.comunedipove.it/citta/indexcit.htm


 Contributo di pubblicazione: ROdAlia

 
     
Edizione RodAlia -
pubblicazione consultata 1086 volte
totale di pagine consultate 626113
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -