Logo
.
...Data giovedý 21 gennaio 2021
...Visite ad oggi 720009  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:La lingua locale: testi e voci
   
SICILIAN MEMORIES_28
by Gioacchino Todaro
 
immagine allegata


LE POESIE DI GIOACCHINO TODARO

 

TUTTU PASSA

 

Tuttu passa ‘nta ‘sta vita:

la giuvintù, la biddizza e la saluti.

Passa l’acqua di lu sciumi

e la sorti da li mani.

Passa puru la furtuna

ca la benna la cupuna.

Caminannu v’a tantiuni:

ad ogni milli nni tocca unu !

Di l’amuri la passioni

e lu Santu ‘n pricissioni

ca cu’ banna e maschiati

binidici li divoti

dispinsannu grazi e doni

pì li preci e purmisioni.

L’amicizia tantu cara:

chidda farsa, no’ la vera!

Passa puru l’Esatturi

cu’ ‘na tassa sempri nova;

cc’amu datu sangu e cori

ed ancora ca ci prova?

Passa puru pì la menti

e l’avemu a chiodu fissu:

a mangiari sunnu ‘n tanti

a pagari quattru fissa.

Passa Ciccu, passa Nardu

mai lu trenu ch’è ‘n ritardu

a purtari lu travagghiu

pì li nostri cari figghi.

Ora Santu, ora Piddu

cu cumanna pensa ad iddu.

Si nni futti di li genti…

s’è a campari tra li stenti.

Duna sulu a li lagnusi,

ca nu’ mangianu travagghiu,

un suddidiu ad ogni misi:

accussì va tuttu megghiu.

Passa ‘u tempu di li modi

e pur ancu d’i custumi,

sunnu tutti ‘nganni e frodi

nta ‘stu munnu di cunsumi.

Passa ‘u tempu ad ogni ura…

e la vita accussì passa!!

Mai a passari li dulura

ca su’ camula pì l’ossa.

Passa e spassa me’ mugghieri

e stannu a lettu la talìu,

ha pì mìa li megghi curi

e pi chistu ringraziu Diu.

 

Gioacchino Todaro

 

 

 

 

 

 

 

 

a

 A MARIMBA

 

Da quel giorno che t’ho vista

scivolare per la via,

non ci sono con la testa

e ti amo alla follia.

 

Più non dormo…senza sonno

per lo sguardo ch’è un incanto,

non mi trovo col mio senno

e perciò così ti canto:

Marimba, sei la donna più amata

Marimba, sei la donna più ambita

Marimba amata, Marimba ambita

del mio cuor.

 

Che caduta rovinosa !

e da quel de “la Balata”

non fiorisce più la rosa

e la luna s’è eclissata.

 

Più non mangio…senza fame,

come vedi soffro tanto !

più non bevo … senza sete

ma lo stesso per te canto:

Marimba,sei la donna più amata !

Marimba, sei la donna più ambita !

Marimba amata, Marimba ambita

del mio cuor!!

 

Mi ubriaco di gazzosa,

non potendo bere vino,

mi dimentico ogni cosa,

anche il nome del vicino.

 

Ma dal “Si“ che ho detto in Chiesa

io ti amo proprio tanto,

e ancor più che sei mia Sposa

io così per te canto:

Marimba, sei la donna più amata,

Marimba, sei la donna più ambita.

Marimba amata,

Marimba ambita, Marimba ambita del mio cuor.

 

Todaro Gioacchino

 




 

 
     
Edizione RodAlia - 15/01/2020
pubblicazione consultata 325 volte
totale di pagine consultate 673014
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -