Logo
.
...Data martedì 28 gennaio 2020
...Visite ad oggi 664766  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:Aspetti sociali, in genere
   
SICILIAN MEMORIES_29
by Gioacchino Todaro
 
immagine allegata


LE POESIE DI GIOACCHINO TODARO

Chi ricchizza !!

 

Chi ricchizza, chi ricchizza

ppì nui tutti la munnizza !

Cci nn’avemu ppì li strati

e li chiazzi ammarunati.

 

Sutta puru li finestri

di li scoli e li palestri.

nun  si sarvanu l’asili

e nimmenu li spitali.

 

Nta li spiaggi, bianchi e lisci,

a purtala è lu mari,

si nni pasciunu li pisci

ca la scancia ppì mangiari.

 

Ed è tanta l’abbunnanza,

u’ parramu ppi li festi,

puru robba di sustanza,

scatulami e tanti cesti.

 

C’è di genti ca s’addestra,

s’un ci sunnu guardie e sbirri,

di jittarla da’ finestra,

da la motu mentri curri.

 

La mannamu puru fora,

nu’ sapennula sfruttari,

a pagamu a pisu d’oru

mentri l’atri fannu affari.

 

E nni resta ancora tanta,

la discarica è china,

la Regioni è gia’ pronta

a spidirla sulla Luna.

 

C’è l’ammiria di lu Munnu,

d’unni veni tantu sfarzo,

ca cc’abbunna ad ogni annu,

mancu in chiddu dittu “Terzo”!

 

Nta l’estati, li turisti

stannu tutti a fari fotu,

sunnu opiri d’artisti:

vannu, dunque, ‘mmortalati !

 

Comu Roma, nu’ c’è ’guale!

Di l’Italia è capitale!

Ed è giustu d’ammustrari

tutti quanti i so’ tesori.

 

Ci nnè tanti….. tali e quali!

Cu Palermu vannu a spadda

ed essennu Capitali…..

ogni tantu si fa bedda.

 

A ‘stu puntu, m’addumannu:

Unni nu’ si vidi nenti,

d’atri parti di lu munnu,

si la mangianu li genti? “

 

Ci nn’avemu d’ammucciata

sutta terra, ncupunata,

c'è di chidda ch’è cchiù rara

chiusa d’intra ‘na minera.

 

Si nni stannu tutti muti,

fannu finta d’ u’ sapiri ,

c’è di mezzu la saluti

cu’ malanni da muriri !

 

Ama diri: “ tanti grazi ”

a la “ Mala “ ppì ‘sti sfrazzi,

comu s’idda stassi a parti

a campari supra Marti.

 

Cu’ li fuochi e tantu fumu, (1)

s’ha ‘ccucchiata ‘na ricchizza

cu’ la tassa ca pagamu:

Viva, viva la Munnizza !!!

 

Gioacchno Todaro

Enna, 26/01/2020

Note (1) Riferito, in particolare, alla Terra dei fuochi, tra le provincie di Napoli e Caserta, e non solo

 

 

Lu novu anno
 

"Sta `rrivannu lu novu annu....,
ma li guai sunnu vecchi!"
Dicia me nannu
tra u` piattu di linticchi.

Lu travagghiu...,picca o nenti,
lu bisugnu...,sempri assai;
chistu sempri haiu `n menti:
comu ora...,quannu mai!!!

Li picciotti hannu peni...,
su ridutti a mali modi:
nu`si spusanu cu  vonnu beni
e si mittinu "a godi e godi".

Comu tannu..,macari ora,
stannu a diri la stissa cosa:
""Damu a tutti pi campari
e livamu ogni `mprisa!""

""Speramu a l`annu novu....
ca d`ogni beni fussi riccu!""
Dicia lu me Avu.., tra `na sucata di tabaccu!
 
Gioacchino Todaro

 

 

 

 

 
     
Edizione RodAlia - 28/01/2020
pubblicazione consultata 3 volte
totale di pagine consultate 622405
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -