Logo
.
...Data mercoledì 23 ottobre 2019
...Visite ad oggi 654004  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:La lingua locale: testi e voci
   
OMAGGIO A DIDACUS
 
Omaggio a Didacus


ALIA, un amato paese che rivive nel ricordo di un suo figlio

Noi, redattori di "Radici&Civiltà" e di "Gentes", vogliamo esprimere apprezzamento e riconoscenza a Didacus, autore aliese di tante sue Opere in versi e in prosa,  onorati di averle pubblicate nel nostro sito e nella citata nostra rubrìca, ospitata in Assarca-It Alia.
Esse rievocano suggestioni e sfumature di vita vissuta nel territorio di Alia, nell`arco temporale di più di un cinquantennio.

Nell`uso di espressioni aliesi, frammiste a quelle italiane ed a reminiscenze ora classiche ora di lingua straniera, si ritrovano le identità di un luogo e di un popolo. Si potrebbe perfino dire che i testi prodotti traggano grande esaltazione dal lessico, tipicamente aliese, usato. Se ne potrebbe fare un interessante glossario.

Per gli Aliesi di avanzata età, ovunque essi siano, è un rivivere il proprio passato. E` la magìa della memoria: talvolta basta il richiamo di una sola vecchia parola, mai più usata o sentita, ad avviare la ricostruzione fantastica di una immagine, di un sentimento che fanno il cuore palpitare.

Per gli altri aliesi, soprattutto giovani, è opportunità di conoscenza di un prezioso retaggio culturale e linguistico da custodire e tramandare ai posteri. Spero tanto che così sia. E` una fiducia suffragata dal dato statistico di consultazione delle varie pubblicazioni fatte, che risulta sempre di alto gradimento.

Al fine di rendere più agevole la consultazione di tali opere, si è pensato di raccogliere i relativi titoli in tabelle sinottiche. Essi, debitamente linkati all`archivio del sito "Gentes", ne evidenziano la relativa pubblicazione.

Vai alle Opere >>> POESIE



 
     
Edizione RodAlia - 27/05/2019
pubblicazione consultata 106 volte
totale di pagine consultate 611244
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -