Logo
.
...Data giovedì 16 agosto 2018
...Visite ad oggi 590266  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:Aspetti sociali, in genere
   
SICILIAN MEMORIES_16
by Gioacchino Todaro
 
GIOACCHINO TODARO_poesie


immagine allegata

LE POESIE DI GIOACCHINO TODARO

SOGNARE


Se io penso di volare,

stando sotto le lenzuola,

o di correre leggero

con il moto di un capriolo


o di stare tutto solo,

su d’un campo rose e fiori,

a scaldarmi sotto il sole

senza avere alcun pensiero


o di avere gioia grande

a ritrovarmi ancor bambino,

stando assieme coi “Parenti”

a giocare a nascondino:


sono solo sogni belli

e, magari ingannatori,

che’ al tramonto delle stelle

torni tale, a com’eri!


Mentre tu che si un omino

ed in arte di pensare,

sogna in grande, mio bambino,

tutto quanto ti st’ a cuore.


Sogna pure ad occhi aperti,

non, di certo, di volare,

tieni sempre le ali aperte

perché in alto stia il pensiero.


Sogna tanto tra i tuoi banchi

e sui libri a studiare,

tanto son pensieri franchi

su quel che avrai da fare.


Sogna sempre e volentieri

ogni sorta d’avventura:

portan tanto buon umore

e fortuna alla ventura.


E’ coi sogni che va il mondo.

E sto questo a dir, a tal uopo:

Basta solo il come e il quando

per raggiungere il tuo scopo!



LU RITRATTU


Si fussi di l’arti e a putirlu fari,

su tila forti, travagghiata a manu,

cu pinnillini ti vurrìa pittari:

comu si fussi un veru Principinu.


Di sciuri majulini di campagna,

d’un pizzicu di terra cu dui stiddi

farìa di sangu e latti li gargiuddi

e, l’occhi, dui tizzuna di castagna.


Di cira d’api, tra lu scuru e biunnu,

cu sucu russu vivu di granatu

farìa la to’ vuccuzza di scarlatu

e li capiddi su lu visu tunnu.


Di matriperla, rosa culurati,

di pasta riali duci mudillatu

farìa, accussì, l’oricchi pitturati

e lu nasiddu appena sullivatu.


Lu sguardu accattivanti e ridancianu,

chinu, pì tutti, d’amuri e simpatia,

farìa di tìa, cu l’arti di la manu,

comu nisciutu da ‘na fotografia.


Lu mittirìa in mostra, ‘stu ritrattu,

cu ‘na curnici raccamata d’oru,

su lu comò, accantu a lu me’ lettu:

pi’ sentiri, accussì , lu to’ rispiru!

Gioacchino Todaro








immagine allegata




ERA N'AUTRU MAGGIU...!


Era di maggiu…, ricordu lu misi:

sciurianu, macari, pira a la chiusa,

e la salutari marva cu la rosa;

ma tannu…, la vita era ‘n’ atra cosa!.


Li sciuri eranu pì lu duci meli

e non pì morti di li massari api;

li cosi d’ora sunnu tutti avvilinati

e chiddu ca mangiamu nun si sapi.


'Ncampagna c’era lu travagghiu:

cu a zappari o a scippari erba;

c’eranu tutti, patri e figghi

livatisi la mtina all’arba.


Pi’ l’aria si sintianu sunuri ragghi

e richiami, tanti, di jumenti,

di crapi e cani a spagghiu

e vuciati e vrami a lu vientu.


Un cantu si livava, di sdignu e di disprezzu,

pì la pirsuna sua purmisa a nozzi

ca duoppu ‘na notti di chiantu e sigghiuzzu:

Ia cu tìa…. nu’ mi cci curcu ‘nta lu jazzu!”


Nu sbriu di festa e tanta fudda

pì’ li viola e li trazzeri:

uomini a rietina e fimmini a cavaddu,

c’ora staiu sulu a raccuntari.


Muli siddati cu fasci d’erba misi:

longa, fina, tennira e gustusa

a’ la stadda sistimata ‘nta n’agnuni,

pì lu jiornu, di tutti , Santu di dumani.


A vidila di ‘sti tiempi n’haju pena,

abbannunata, com’è, a lu so’ distinu

pruni e ruvetta fannu da patruna:

li picciotti cchiù nun hannu lena.


Ad atri travagghi, ora, su jittati,

macari fora, sempri scunusciuti,

ca picca e nenti arricampava all’annu

mancu li spisi… di la fatìa e l’affannu!


Chianiati di vigni, ancora da zzappari,

mpistati di paparina ed agroduci gialla,

parìanu pittati cu “ tantu di pinnelli”:

ca matri natura, sulu idda, sapi fari!


Tanti famusi, da sempri cc’hannu pruvatu

a cupiarli a farli uguali, ma s’hannu sbaggliatu

ad ammiscari, russu virdi giallu, li culura

picchì è segretu… e tali ava ristari e, nuddu ava sapiri!

.

Era tiempu di caccia a li farfalli ‘nta li viola,

faciennu a gara a pigghiarli a volu

pì poi, fari la cunta e sarbarli a menzu libri di scola.

Mi pari ca, puru di chistu nu’ si fa cchiù parola


Di sudda sciuruta tapizzata

comu di veste, ca fussi zzita,

accussì bedda l’avia vuluta

matri natura, d’essiri pittata.


E ia … sunnavu ittatu ‘ncapu d’idda…,

taliannu alluccutu l’azzolu di lu cielu

e l’occhi ‘nu stavanu cchiù a vanedda…

a vidiri com’era ddu linzolu !


Un mari mi paria suttancapu

armatu di gran nuvuli fantasma,

e stavu fermu, cumu fussi un pupu:

a vidiri…chi cosi… di ‘stu cosmu!


Di picurieddi misi sparpagghiati,

di pinnillati culurati a comu veni;

taliavu e ristavu ‘mpassulutu:

da quannu e d’unni veni… chist’arcanu


N’aceddu camurriusu e pitulanti mi furrìava…

ora vicinu e poi s’alluntanava,

pariva mi vulissi diri, senza tantu velu:

Vidica…, puru ia, fazzu parti di ‘stu cielu!”


E tanti rinninedddi cchù luntanu

vulavanu… ‘na vota a fari negghia e po’ scappari,

parìa ca fussiru addicati a circari….:

nun sacciu cosa, pì jiurnata sana!


E tanti voti, cu lu mè pinsieru eru accussì luntanu… ,

d’essiri da me’ stissu misu fora…

e mi pirdìa, varcannu, ‘nta ddu chianu…

da nu’ sintìri vuci nè rumura.


Ora… mi manca ddù cuscinu d’erba,

la fantasia ca mi facìa vulari…

ch’era, tannu, accuomu ‘ na frutta acerba…

pì nun aviri tiempu d’aspittari!


Ora… li piedi tegnu misi ‘n terra…

picchì nun svulazzìa cchiù la menti;

sunnu pisanti, comu di savurra:

lu passu ‘ncertu … e puru malamenti!

Gioacchino Todaro

 
     
Edizione RodAlia - 21/04/2018
pubblicazione consultata 178 volte
totale di pagine consultate 550972
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -