Logo
.
...Data mercoledì 19 dicembre 2018
...Visite ad oggi 611251  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:Aspetti sociali, in genere
   
SICILIAN MEMORIES_3
by Gioacchino Todaro
 
GIOACCHINO TODARO_poesie


immagine allegata

LE POESIE DI GIOACCHINO TODA

LA SAGRA DELL'OLIO


Fruscii di rami frondosi

si perdon nell’aria copiosi,

per mezzo di mani robuste,

con verghe usate per fruste.


Schiene di donne curvate,

prati coperti di tele cerate,

discorsi di mamme suadenti

e strilli di bimbi piangenti.


Di esili corpi gelati,

ricordi di tempi passati,

aduse ad estreme fatiche

ubbidienti mute formiche.


Mani sapienti alla sfronda

drupa alla pesta gia’ pronta;

macine in pietra ruotanti

tra voci festose d’ astanti.


Commenti su quanto abbia dato,

notizie sul prezzo al mercato;

di come sia andata l’annata,

di terra assai poco bagnata.


Visi segnati trovan ristoro

nel fluire del liquido oro;

profumo di balsamo verde

che ovunque nell’aria si perde.


Fragranza di pane sfornato,

di mani che l’han preparato,

di fritto con zucchero sciolto.

La gioia del nuovo raccolto.


E’ quanto affiora alla mente:

Vedere così quella gente.

Gioacchino Todaro

I CANTASTORIE

Eranu pueti mal’ arrinisciuti

ca giravanu pi’ tutti li paìsi,

cantavanu storii pì li strati

pi’ purtari, accussì, pani a’ li casi.


Su’ fatti veri e nun ammanicati,

davanu vuci a tutti li quartera

di tradimenti e dilitti efferati,

pì scumpariri prima di’ la sira.


Cantavanu di Portella Ginestra *

la stragi di tanti ‘nnucenti morti

pi’ manu c’ora è ditta Cosa-nostra,

ca tannu  era cchiù agguerrita e forti.


Li gesta e poi la fini di Giulianu,

di  Montelepre  Re   ‘ncurunatu,

traditu da Pisciotta sò cuscinu,

ca ‘n carciri murì avvilinatu.


Di  Placido  Rizzotto la scumparsa, **

sindacalista onestu  ora d’impacciu,

pì dari  cchiù terra a’  la genti scarsa

murì ittatu d’intra ad un cripacciu.


Tutti li vecchi, fimmini e carusi,

misi ammunziddati ad iddu a giru tunnu,

ascutavanu cu’ l’oricchi tisi

cosi ca parian di ‘n’atru munnu.


Unu gridava misu a la chitarra,

mentri l’atru signava ‘na figura:

un briganti era d’arretu di ‘na sbarra

p’aviri cumminatu  ‘na  sciagura.


Eranu sceni fatti su ‘n tiluni,

disignati da ‘n’artista natu,

giravanu  a canciari lu cupiuni

comu si fussi un album di fotu.


Ch’ist’ era tannu lu teligiornali

ca dava l’accadutu di li cosi

e la  nutizia era sempr’ attuali,

pur’ a sintirla dopu tanti misi.


A nui parìa di stari a’ lu tiatru

tutti assittati ‘n prima fila misi,

la nostra menti nun pinsava ad atru

si nun a ‘mmaginari chiddi cosi.


Cu stava a vucca aperta ad ascutari

e l’occhi avìa tutti sbarracati,

picchì disìu tantu avìa capiri

chiddi fatti ca vinìan cuntati.


Lu vecchiu arzillu ch’era statu ‘n guerra,

fumannu cu’ la pipa di cannedda,

pi’ la stanchizza s’era misu ‘nterra

dicennu ca… la vita è sempri chidda.


Ch’ist’era la strata ,tannu,  pì tutti:

cinima, tiatru e pì nui palestra,

unni carusi si curria a frotti

e di viviri ‘n comuni era maistra.


Nun c’eranu machini, sulu muli

e la si vulìa beni cun affettu,

ci si mittìa a’ l’ummira o lu suli

e ad asciucari li ficu e l’astrattu.


Di li sceni nun c’era dipinnenza,

pi’ comu oggi si senti raccuntari

ed appena si rumpìa l’adunanza

si riturnava subitu a ijucari.
_________________
di Gioacchino Todaro

Note: *   (I° Maggio 1947)
              ** (periodo della riforma agraria)


 
     
Edizione RodAlia - 12/03/2018
pubblicazione consultata 161 volte
totale di pagine consultate 571486
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -