Logo
.
...Data mercoled 20 marzo 2019
...Visite ad oggi 624710  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:Personaggi e biografie
   
DO VOLTE MIRACOLA'
 

Veduta aerea di Camisano Vicentino

immagine allegata


(Voce narrante di Rita Casarotto)


*****
(E' il testo della trascrizione del racconto, fatto dalla figlia del protagonista al camisanese Nereo Costa.
Il valore della pubblicazione sta, soprattutto, nella esemplificazione linguistica della parlata dialettale nel territorio di Camisano Vicentino, in Veneto)
*****

"Toni gavea otantasincue ani cuando, na domenega dopo magn, el ciama s mojre Rita e s fiola Marcela e el ghe dixe: senteve cu tac mi che go da dirve alcune robte. Mi stanote mro.

S mojre resta sensa parole e s fiola: S, val, pop, ma coxa dixito? Steto poco ben?. E el ghe risponde: N, n, bela, mi sto ben e n so miga dro schersare, parlo sul serio.

Dopo che 'a Marcela, mojre de Luigi Martin dal Malspinoso, me ga cont tuta 'a storia de s pop, mi n me so par gnente maravej che Toni dovese rivare a sto punto, solo a uno co 'a s storia podea capitarghe serte robe grande.

Se te conta ste robe uno che pasa par la strada, te ghe dirisi che l' drio 'ndare via de testa. Ma come faso n credarghe ala Marcela, che inamentre la me contava 'a vita de s pop la se emosionava cus tanto che ghe vegneva ancora 'e lagrime ai ci, come se s pop fuse morto ieri. Xe pas invese vinti ani.

E se voialtri me cred e vol capirghene calcosa, ora xe mejo che ve conta a storia de sto mo, de Antonio (ciam Toni) Casarotto, nato nel 1909 a Camisano Vicentino, fiolo del conte Casarotto Giuseppe, che faxea parte dela Conta che se trovava ai confini tra Camixan e Piasola.

Toni ga vis na giovinesa sana e onesta come tuti i xovani contadini de na volta. 'E s prime traverse xe scomisi col servisio militare. Nel' aprile del 1929 l' sta ciam a fare 'a naja nel 23 Reggimento Artiglieria da Campagna e dopo sete oto mixi, nel disenbre delo steso ano, l' sta conged.

Nel 1937 Musolini, coa scuxa de dare protesin al'Islam e garantire pace, giustisia e benesere al popolo musulman, el volea invese slargare 'I s inpero coloniale. Par cuesto el gavea bisogno de sold italiani e anca de Toni, che l' sta riciam. Nel' otobre del 1937 l' parto da Napoli par la Libia. L' divent presto soldato scelto e caporale. El ga fato l sie mixi e mexo de militare e nel' aprile del '38 l' sta conged. Ma nl gavea gnancora fino de servire 'a patria parch nel cuarantad, in ocaxin dela seconda gura mondiale, anca Toni xe sta mobilit e nel'otobre de cul'ano entr nel' Artiglieria Autotrasportabile Piave. Nel mexe de gennaro del'ano dro l' sta trasfero nel 2 Reggimento Artiglieria di Padova. Ala fine de lujo del '43 el se ga merit cuindaxe giorni de licensa agricola. Sband dopo 'l caxn del'oto setenbre, l' torn caxa par sempre.

N risulta che Toni sia mai sta fero. Ma 'e tribotasin ch'el ga soport, soratuto cuando l' sta in Libia e durante 'a seconda gura mondiale, ghe ga rovin i polmuni. Cos, fina 'a gura, al'Ospedale Militare de Padova, i lo ga oper ale costole e taj via n polmon. A dire 'l vero i ghe lo ga las drento, morto, che nl funsionava p.

Ghe xe rest n longo tajo che n finiva mai sula schina, sar c tanti punti, e n buxo in mexo. Se poda vivare anca c on polmon solo. Prima de partire pal militare Toni gava 'a moroxta, conosa cuando el gavea cuatrdaxe ani. 'A Rita gera na toxa granda, mora e bela come l. Sula boca de Toni ghe gera senpre sta fraxe: "Xe riv na putla e xe come che gavese n oracolo". Cuando 'a Rita 'ndava catarlo al'Ospedale, tuti i militari ghe faxeva strada par portarla vedere 'l s moroxo. Intanto i se gustava l'cio. Tom dal'Ospedale e rimeso n po' in sesto el se ga spox coa s Rita e i ga fato nasare 'a Marcela. Dopo che la xe nata, Toni ghe ga dito a s mojre: Mi so 'l p vecio de cuatordaxe fradi. Ghe ne go na solfa de ver visto tanti tuxti picoli cresare dopo de mi. Alora deso basta, mi n vi altri fili.

Toni ghe dixa sempre a s mama: N ti si miga stufa de scursare senpre 'e stese braghe par darghele al toxto p picolo che vegna dopo? Na volta l'altra 'ndar finire che te te ciapar sensa. E s mama ghe risponda: Pitosto de fare da magnare faso n fiolo. Toni ghe volea tanto ben ala s unica fiola Marcela. C tanta tenersa el ghe dixa sempre: Bela, te vojo tanto ben che te dara 'l me cre. Solo che n poso dartelo parch el me serve anca a mi. Dopo che l' rest c n polmon solo, a s trista aventura n la xe finia cu parch nel sesantado Toni se ga mal de tubercolosi, malatia infetiva, e i lo ga ricover nel Sanatorio de Basn (Bassano del Grappa). Nei tre ani che l' rest l, s mojre e s fiola le 'ndava catarlo tute 'e feste, na domenega paromo. Le partiva da caxa in biciclta e a Campo San Martin le cipava 'a corira. Gnente le fermava, gnanca 'e p brute intenprie, le ghe volea masa ben par n lasarlo masa l da solo.

I doturi lo tegna a Basn par guarirlo, ma n i xe sta buni. n bel d, o mejo n bruto d, dopo vrghe fato i ragi, i ghe ga fato capire che 'l s polmon gera fino, che nl poda pi 'ndare vanti cus e che ghe restava solo cuindaxe vinti d de vita.

Cuanti pensieri ghe sar pas par la s testa! Savre che fra cuaranti d te 'ndar al Creatore! Ma par chi che ga fede e speransa se vrxe senpre calche porta. El gava sento ch'el Sanatorio gera dro organixare n pelegrinjo a Lourdes. E Toni ga pens: "E n che n vio crepare cu in mexo ai mal e ai moribundi, mi me piaxara morire a Lourdes, in braso ala madona". Cus, insieme al Capeln del Sanatorio, che lo ga senpre jut e consol, l' parto par la Francia. Come tuti cui che va su cul santo posto, anca l ga preg, partecip ale mese e ale funsin religioxe e come i altri el ga fato anca 'l bagno nela vasca de l'acua santa. Dopo tre cuatro d l' torn caxa.

N se sa cosa xe sucso o lo podemo imaginare, fato sta che cuando Toni xe trn nela s caxa de cura, el va nel'infermerla e el ghe dixe al s dotore: Dotore, mi go da domandarghe na roba. Par piasre podariselo farme i ragi ai polmuni, o mejo al polmon, visto che ghe ne go uno solo?.Ma se te i go fati sincue d fa!, ghe risponde 'l dotore. E mi pretendo ch'el me i rifasa, insiste Toni, parch mi me sento mejo.

Dito fato i dotori ga visto ch'el polmon de Toni gera guaro e dopo n mexe i lo ga mand casa. Cus 'l pap dela Marcela ga vis ben par altri trent'ani. Beh, dixemo ben par modo de dire, ben come poe vivare na persona c n polmon solo. Cuando el lavorava masa el se stufava presto. S'el faxeva calche corsa nl resisteva par tanto tempo parch el faxeva fadiga tirare 'l fi. El gaveva senpre 'l fasoleto in man par sugarse 'a boca cuando 'l polmon lagrimava. De serto se poe dire ch'el ga vis par tanti ani bastansa ben faxendo 'l contadin come prima de malarse. Nel 1980 xe riv Camixan el novo paroco Don Giuseppe Rancan che, dopo poco, el ga fato 'l giro dele fameje de Camixan pa benedire 'e caxe. Cuando l' riv da Casaroto, Toni lo sente parlare e el ghe dixe: Salo Don, 'l capeln del Sanatorio de Basn, dove so sta ricover, el gava 'a vose roca come 'a sua. Pro bauco, ghe risponde 'l prete, ma n te te ricordi miga che cul capelan gero proprio mi?. I se emosiona, i sta n pochto in silensio scorlando pian 'a testa. 'L prete, c na vose che se ga ferm a met gola: Me ricordo ben 'a t storia. I se ga capo vardandose nei oci ricordando 'l miracolo. E dso rivemo a cula domenega dopo magn che ve go cont in prinspio, cuando 'a Marcela e s mama le gera l perse, sent tac sto omo che ghe dixeva che ala note el sara morto. E l, calmo e serio (n te sentivi na mosca volare) el continua: cuando sar morto podar metarme cul vestito maron che xe l pic via. 'A Marcela, sensa renderse conto de culo che la dixa: Ma n, pop, cuel vestito l te meto?, te starsi mejo col t bel vestito grixo, el me parara p adato. E Toni: eh n, bela, metame culo maron, ch'el me piase de p ma, me racomando, n dismentagarte 'a fanela de lana, che n patisa 'l fredo, te se che mi la go senpre port, anca d'ist, par tegnere i polmuni al caldo. E dopo n pochto: cuando sar 'nt 'a casa, metame n cusin soto a testa in manira che staga in vanti col colo.

A n serto punto Toni se alsa, el va verso 'a credensa cuisti xe i schi che ve serve pal me funerale, se n i ve basta ghe metara voaltri 'a difarensa. Mi vi n funerale senplice e gnente santini, 'a sente li mete in scarsela e dopo li perde.

Te se che mi go senpre fato fadiga respirare, alora n st metarme soto tra, me sentira sofeg, me miti 'nt n loculo, magari l respiro mejo.

E ti, cara Rita mia, n sta dismentegarte de mi, ma gnanca n vegnere speso catarme in cimitero, basta na volta ogni tanto, te ghe i t lavuri da fare.

A Toni, fin ch'el parlava, ghe xe casc 'a dentira, che la ghe stava tanto strta, alora s mojre ghe ne ga meso n'altra che la gera p larga. A sto punto s fiola ga pens: "xe proprio vero che me pop mre". La se gava ricord che, cuando la gera nel Sanatorio de Basn, la gava visto tante persone che, prima de morire, le gava spu fora 'a dentira. Dopo verghe d tute e dispoxision, el continua col s testamento spirituale e a s fiola el ghe dixe: Ti Marcela tiente fortun de ver cat n bon maro che te vole tanto ben. E dso te pi 'ndar casa jutarlo a monxare 'e vache. E ancora: Fin che t mama sta ben, lasela pure cu da sola in paese, e cuando la sar vecia n sta metarla in ricovaro, ma portatela caxa tua. Beh, n suto, parch dso te ghe i suoceri da 'ndarghe dro.

Verso 'e nove de sera Toni ga deciso de 'ndare in leto. Prima el se ga canbi e lav. Lav anca i pe. Sbarb, pettin, profum e snet 'a cpa. In pigiama el se ga distir soto 'e corte. In man, tac 'a sbesola, el tegna 'l fasolto, pronto pa sugarse 'a boca in caio de bisogno. Sra na carega visin al leto el se ga meso tuti i vestiti da morto. n pochto p tardi va in leto anca s mojre. La xe dro ciapar sono cuando la sente che Toni fa n rantolo, on respiro profondo. La inpisa 'a luce, lo varda e Toni xe x 'nd al Creatore.

In culo steso momento 'a Marcela, che la gera caxa sua in divano tac s maro vardare 'a televisin, la ga sento rivare s pop che la ga abraci. La ga strenza forte procurandoghe n brivido par tuto 'l corpo. 'A Marcela xe rest l, insimina, cl pel de oca e coe lagrime ai ci. La ghe dixe suito a s maro: Luigi, me pop xe morto parch l' pena vegn saludarme. N la ga gnanca fino de parlare che sna 'l telefono.

Ve lasso imaginare che rasa de sermn che ghe ga fato Don Giuseppe al s funerale. Dopo verghene dito tanto de bn, cus el ga fino 'a predica: E ci sarebbero tante altre cose ben pi importanti da dire su Antonio, ma meglio che mi fermi qui.

Alora cosa se pe concludare dopo ver sento tuta sta bela storia? Secondo mi Toni xe sta miracol do volte dala Madona de Lourdes: 'a prima volta la ghe ga salv 'a vita faxendoghe guarire 'l polmon e 'a seconda la ghe ga fato fare na santa e serena morte. Voialtri, gavo n'altra spiegasin? "


di Nereo Costa


immagine allegata





tratto da El Borgo de Camisan,
Periodico socio-culturale di Camisano Vicentino.



 
     
Edizione RodAlia - 29/12/2016
pubblicazione consultata 651 volte
totale di pagine consultate 583524
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -