Logo
.
...Data venerdì 7 ottobre 2022
...Visite ad oggi 830690  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:La lingua locale: testi e voci
   
ESPRESSIVITA' POETICHE
DI ANTICO VENETO RURALE
 

immagine allegata



“Romanzo tale e quale tocà al compare Vito”



tratto dalla raccolta "Par pèrdarse via" - edita per la Biblioteca Cominiana, 2001

Si propongono all'ascolto questi versi del poeta e medico padovano Pier Giuseppe Cévese, abilmente da lui recitati, che fanno rivivere l'atmosfera del “Filò”. In tempi passati, esso si solgeva nelle stalle di certe famiglie contadine, dove, d'inverno, nelle ore serali, loro componenti si riunivano per scaldarsi vicino al bestiame ed avere lì l'occasione di fare qualche lavoretto, godendo del piacere della compagnia e chiacchierando in libertà del più o del meno.

In tale contesto di “filò” ecco il vecchio Vito, che racconta agli amici e parenti un' avventura amorosa della sua giovinezza, che si conclude in maniera rocambolesca ad opera dell'azione combinata della moglie e dell'amante.

E' una simpatica storiella, raccontata con le meravigliose espressioni di un linguaggio gergale veneto, in uso fino ad alcuni decenni or sono tra la gente comune.

Per gli ascoltatori di lingua veneta, alcune espressioni, anche se antiche, saranno scontate nel loro significato; per gli altri, pur se incomprensibili, se prese isolate, esse potrebbero risultare più chiare nell'economia globale del racconto. In ogni caso, anche se così non fosse, si spera che si possa godere della piacevolezza dell'espressività di un linguaggio, ora dolce e delicato ora deciso e prorompente.



Per approfondimenti e curiosità sul " FILO' "

http://www.sanmartinoba.it/UnaVolta10.htm


Filò!

Tosi e tosate intorno a le fogare,

i putini fracà dosso so mare,

el boaro sul strame ch’el ronchisa,

le bronze de fagàro che s-ciantisa;

le rùmega le vache pian pianelo,

de for la luna la sbianchisa el cielo.

In mezo al comarò ch’el scolta sito,

se sente paciolare el vecio Vito:



“Da casa mia, i sirà sta, no zo,

do tireti de s-ciopa su par zo.

Sul rio ch’el gen a salti zo da Rua,

che jera ‘na casina pizoleta,

che la pareva fata par la pua,

E dentro ghe viveva la Nineta,

la vedova del poro Cacatua.

Una doneta, Dio, de che fatura!

Ciara de muso, i oci sprandolisi,

alta de culo, drita de fegura,

do tete in pieto che fazea s-ciantisi!

La ghessi vista parecià da festa, l

a pareva ‘na nobila spuà!

Quel poro ometo par tegnèrghe testa

el xe morto destruto, consumà!



Ben, no fa gnente; ma tornando al fato,

xepi che naturale, Dio beato,

che ‘na vedova zovene e piazente

la gaja qualche grijo par la mente.

E mi, tosati, che ghe stava rente,

dal Padrenostro in fin l’Avemaria,

cofà un can drio ‘na cagna incaloria,

che anava sempre intorno; ben s’intende

che jutava un fiatin te le fazende

a menar acqua, a solforar la vegna,

a sterpar dal formento la gramegna.



Do volte o tri fa un paciolesso e l’altro

go tentà de sbrissare for de via;

un par de volte, po', go slongà scaltro

‘na man zo par el colo, in mezadria,

(carcandoghe el nizolo de forajo

fea finta de falarme col zavaio).

E ogni volta, par dir la verità,

la dona el culo in drio la ga tirà.

Ma ogni dona, Dio, quante la gh’en fa

par figurire ingenua e respetà!



‘Na sera jero drio pelar la foja

qualmentre ch’ela pascolea la roja.

Me go fato corajo e li, par Dio,

go dito s-cèto: Vu gavì capio,

cara Nineta, no tireve in drio,

go ‘l morbin ‘n te le vene fa un puliero,

molè qualcosa, se no al çimitero

ve fazzo anare drita fa el direto.

La ga risposto un no cussi moleto

ch’el ghea l’aria de un sì s-cèto e spuà.



No go voja de ati, la ga dito,

son vedova onorata e respetà.

Mi ve repeto ch’el compare Vito

el ga ‘l sangue che boje in drento al core;

molè qualcossa, su, belezza, amore;

co’ ‘l campanil de Rua bate le nove

feve catare in teza, anca se piove"

E va ben, la ga dito, par le nove!



Contento mi, tosati, figureve,

gavea in drento un mestiero fa la freve.

Me go slontanà zo par la pontara

e come un pulzinelo co la snara

gheva ‘l fià curto, el sangue in teremoto,

la pissarola, l’orbole, e ‘l cagoto!



Ma intanto, sta rufiana, buzarona,

la core oltra fin da la me dona

e par filo e par segno la ghe conta

el me discorso, sta putana onta.

E fra de lore, cossa la combina?

Le se acorda cussì: che par le nove,

de sora in teza al posto de la Nina

ghe va la dona mia, anca se piove.



Le nove le s-ciochea sul campanile

che mi postea la scala sul fenile.

Pì asguelto de un sittòn, so sta de sora,

ma gheva el core che ‘l saltava fora.

Nina – go dito, Nina, so rivà:

e ‘na vozeta la me fa: qua, qua.

Che scuro malandreto, Maria mia,

me scapea de tirar qualche resia!

Finalmente a laorando de palponi

ghe go batudo in coste, sui galoni.



Ormai, credime a mi, jero sidià

e suito...le manobre go tacà!

‘Na man de qua, ‘na man soto par là,

beh, insoma le manobre che se fa.

‘Na roba asguelta, senza comprimenti,

se no, putei s-ciopava, santamenti.



E finamentre, sul pì bel de ‘ato,

me scapa dito: Anzolo beato!

Ti te laori ben, ti te ghe razza,

altro che la me dona despossente!



E mi chi sonti, fiol de ‘na trojazza,

putaniero, imbeçile, dilinquente,

- e la taca sberegare fa un ossesso -

sgrugno de mas-cio, aretico, fetente,

refian, luamaro, verminoso, cesso!



E forte che la jera, la me dona,

fra do fregne de fen la me incantona,

la se cava i zopei, senzapì arfiare

e pache la me dava su zucolo

e, po', co ‘na pelà, tuta de un zolo

la scala me go fato in finsu l’ara.



El can de casa el taca ‘na cagnara,

le oche le sominzia a starnazzare

la femena drio, vaca so mare,

e pache coi zopei sui sentimenti,

che ormai vegnea imbecile, santamenti.

Par tera me go trato desparà:

co ‘na paca sul fruto la m’à alzà!



Cinquant’ani, putei, xe za passà!



Filò!

Ride omini, done e in fin le vache,

qualcun cogna che ‘l mola le tirache!

Le bronze intanto pian pianin se stua,

qualmentre el campanil del monte Rua

el poza in gropa a un fià de venteselo

dòdese boti che se perde in çielo!

______________________________________________

Filò: Riunione familiare vespertina nella stalla / Tosi e tosate: ragazzi e ragazze. / Fogare: scal dini ./ Fracà: dosso, pigiato. / Boaro: bovaio./ Strame: letto di foglie secche. /Ronchisa: russa. / Sbronze de fagaro che s-ciantisa: brace di faggio che scoppiettano./ Rùmega:ruminano./ Sbianchisa:illumina./ Comarò:chiacbcherare delle comari./ Sito:zitto. / Paciolare:chiaccherare. / S-ciopa:doppietta./ Gen:viene/ . Pizoletta:piccoletta./ Pua:bambola./ Poro:povero./ Ciara:chiara./ Sprandolisi:splendenti. / Pieto:petto. / S-ciantisi: scintille. / La ghessi:l’aveste. / Parecià: preparata.

_______________________________________

Nobila spuà: autentica nobile. / La gaia: abbia./ : Grijo: grillo. / Rente: vicino. / Incaloria: in calore. / Anava:andava./ Jutava:aiutavo. / Sterpar:estirpare./ Paciolesso:chiacchera. / Srissare: scivolare./ Slongà:allungato. / In mazzadria:in mezzo./ Cargàndoghe:caricandole./ Nizolo:lenzuolo. / Falarme:sbagliarmi. / Zavajo: aggeggi per i bachi. / Roja:scrofa .

_____________________________________

S-ceto:schietto/Morbin:eccitazione. / Puliero: puledro/ Molè: concedetemi/ Moleto: deboluccio./ Ati: gesti amorosi / Boje: bolle / Teza: fienile / Freve: febbre/ Slontanà zo: allontanato giù / Pontara: discesa o salita/ Pulzinelo: pulcino / Snara: asma / Orbole:traveggole / Cagoto: diarrea / Buzarona:imbrogliona / La core oltra :de fen: balle di fieno./ Zopei: traveggole / zoccoli./ Se /nza pì a si precipita / Onta: sporca

______________________________________

S-ciochea: battevano / Postea:appoggiavo / Sitòn:fulmine / Melandreto:maledetto / Eresia: bestemmia / Laorando de palponi: a forza di palpare / In coste sui galoni: sulle cosce / Sidià: sfibrato / Go tacà: ho cominciato / S-sciopava:scoppiavo / Nel pì bel de l'ato: nel momento più bello dell'amore / Me scapa dito: mi sfugge di dire / E mi chi sonti?: e io chi sono ?


______________________________________

Mas-cio: porco./ Aretico : eretico, bestemmiatore./Pelà: Verminoso: pieno di vermi./ Fregne de fen: balle di fieno. / Zopei: zoccoli./ Senza pì arfiare:senza più dire parola./ Zucolo:testa. / Pelà :pedata./ Zolo:Volo./ Ara:aia./ Sentimenti:tempie./ Stua:spengono./ Fruto:genitali. / Cogna:bisogna. / Tirache:bretelle. / La gropa:sopra./ Boti:tocchi

 
     
Edizione RodAlia - 02/11/2016
pubblicazione consultata 711 volte
totale di pagine consultate 763986
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -