Logo
.
...Data sabato 13 luglio 2024
...Visite ad oggi 952556  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:La lingua locale: testi e voci
   
ITALO RUNFOLA_le poesie_4
 
Italo Runfola_le poesie_2


immagine allegata

da "Poeti per caso", antologia poetica di autori vari aliesi, pubblicata a cura del Comune di Alia - Grafiche Renna Palermo , 2002

Le poesie di Italo Runfola, (detto Cirinè)

Nr. d'ordine 1


U ritornu di l'emigranti


Oh paisani ca all'Alia turnati

pi la Madonna, 'nta Austu e pi Natali,

vi iti cassariannu pi li strati

cu mossa principisca e barunali.


Siti vistuti di milli culura,

d' abiti fini e tagghiati a la moda,

lu vostro passu nunn'avi primura

la vostra caminata e soda soda.


Fumati sicaretti profumati,

diciti jà, diciti sciù, diciti né,

'ntà circuli e cafè vui vi firmati

faciennu cumplimenti a cuegghiè.


Cu machini di marchi furastieri,

faciti scrusciu e l'aria 'rnmilinati;

'ntà strati, chiazzi, vaneddi e trazzeri

curriti comu tanti assatanati.


Finistivu di curriri addicati

pi fari na iurnata di zappari,

di caminari cu robbi sfardati,

di fari stienti tantu pi campari.


Li vostri manu nun hannu cchiù caddi,

aviti anedda d'oru 'nta li ita,

e dannuvi la manu, ...'nta la peddi,

nun sientu cchiù lu duru di la crita.


La vostra peddi bianca e prufumata,

diventa russa all'uocchiu di lu suli,

e nun prufuma cchiù tutta l'annata

d'erva, di stadda e suduri di muli.


La lingua chi parrati è 'mbastarduta

e lorda di paroli d'atri stati,

di lu parrari nuostru la caduta

vui malamenti ormai l'arruzzulati.


Va beni lu prugressu e li dinari,

scurdari fami, stienti e mal' annati,

ma quannu vi scurdati lu parrari

vi dassi 'ntesta milli vastunati!


Cirinè
_______________________



Nr. d'ordine 3


Terzu di Jusu

Lu suli coci e spacca li tirruozzi,

vugghi e sbapura l'acqua di li puzzi,

calia li fraschi e sbampa la cannedda

bruscia la peddi e asciuca la mirudda!


Curri la serpa a circari friscura,

'mmienzu li fraschi e 'ntà li munziddara,

mancu lu nigghiu rinesci a vulari,

c'è troppu fuocu, unn'avi chi circari.


È ferma l'aria, un c'è sima di vientu,

né di l'acieddi si senti lu cantu,

mancu l' ariddu fa la sò manfrina,

e muortu pari lu cani a la catina.


Dintra la stanzia l'omu fa cannistri

'ntrizzannu canni e jttuna d'agghiastri,

mentri li viesti attaccati a la stadda

mancianu fienu di ina e di sudda!


La vaddi è bianca pì la gran calura

di lu stratuti a li fauri di Raciura!


Friddu di 'mmiernu, d'estati fucusu,

chistu è lu 'nfiernu di Terzu di jusu!


Però mi piaci sempri riturnari

'nta stù disertu siccu e lazzariatu,

unni mé Nannu a forza di sudari

un paradisu mi cci avia criatu!


Cirinè
_______________________
Nr. d'ordine 2

La me' genti

Trinacria antica, nobbili e sulagna,

haiu na dica chi mi duna parra,

e notti e ghiuornu sempre m'accumpagna:

la genti tua nun senti, un vidi e un parra.


Nun vidi quantu mali l'atturnia

cu l'uocchi apierti, stralunati, assenti.


E si lu vidi nun si sfurnicia

si dannu fa all'amicu o a lu parenti.


E' propria surda comu na campana

e sentiri nun voli lu fischiari

c'arriva di na bona vucca sana

chi la vulissi un poco struvigghiari.


Muta, comu li pisci di lu mari;

chiù muta di na petra di carcara.


Menu chi mai la spinci a lu parrari

lu suonu di scupetta e di lupara.


Uomini, viecchi, fimmini, carusi

lu Vespru sona e certu lu sintiti.


A mafia, usura e morti siti ad'usi!


Lu Vespru chiama ma nun rispunniti!


Na nuci dintra un saccu un fa rumuri,

ma sbatti sbatti forsi lu spurtusa.


Speru ca di parrari, lu tirruri

un ghiuornu vi lu leva la me Musa!


Taliu la genti di sta terra mia,

mi pari torcia chi lenta s' astuta.

Mi pari quasi iunta a la fuddia

sta genti "antica", orva, surda e muta!


Cirinè
_______________________

Nr. d'ordine 4

Lu dui di luglio

Lu dui di luglio all'Alia è festa granni,

picchì è la festa di la Santa Matri,

si torna all'Alia di tutti li banni,

ccà, 'ntà la terra di li viecchi patri.


Di la Germania, la Francia e l'Inghilterra

tornanu li divoti paisani,

fussi lu munnu 'npaci o fussi 'nguerra

tornanu di li terri cchiù luntani.


Tornanu p'abbrazzarisi a la matri

chi l'addivau sutta la fadetta

e pi prigari la Matri di Diu Patri,

Madonna di li grazi benedetta.


A lu Cravaniu, com'è tradizioni,

si fa sempri la fera di l' armali,

muli cavaddi e vacchi a profusioni,

spittaculu accussì nunn'avi aguali.


Ddà, nta la Santa casa, a la Matrici,

missa cantata, ncienzu e campaniati,


La Vergini Maria benefattrici,

nn'abbrazza e nni pirduna li piccati.


Splinnuri d'oru e ninfi di cristallu

e n' prima fila c'è l'autorità,

fimmini e spaddi nuri, senza sciallu,

fannu gran mustra di mudernità.


Parati a festa sunnu li parrini,

riccu l'artaru d'oru priziusu,

canta lu coru di li circulini

cu l'organu chi sona maistusu.


C'è sempri, a la finuta di la missa,

na guardia di picciuotti fricaluori,

cu l'uocchiu muortu e la facci di fissa

'ncerca di donni bieddi e senza cori.


Quannu nesci la Santa prucissioni,

quasi a migghiara e tutti a pieri `nterra,

mantiniemu li nostri purmisioni

a la gran Matri di la nostra terra.


Chini li strati sù di luminari,

suonu di banna e sparu di mascuna,

li fimmini s'addicanu a mustrari

li miegghi cutri 'nta li finistruna.

La sira jamu tutti 'nta la chiazza

pi musica canzuni e puisia,

cu 'ncontra amici li vasa e l'abbrazza,

cu amici unn'avi di latu si canzia.


Tuttu finisci 'nta li matinati

quannu attacca a calari la muddura,

l'uocchi su stanchi e li jammi tagghiati

mentri canta la cucca 'ntà Raciura.


Tutti a li casi e la menti a Maria

ca d' ogni mali n'av'a liberari,

nn'av'a sarvari di la morti ria

paci e saluti a tutti nn'av'a dari.


Cirinè
_______________________










 
     
Edizione RodAlia - 22/05/2015
pubblicazione consultata 1028 volte
totale di pagine consultate 889113
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -