Logo
.
...Data luned 26 febbraio 2024
...Visite ad oggi 929522  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:Aspetti sociali, in genere
   
MEMORIE ALIESI IN PROSA_15
 
"Giuseppe" .. in

Un furnu a regola di parpagnu

Sotto la suggestione del convegno sulle Grotte e della splendida ipotesi di scritte fenicie sulla loro facciata, mi chiedevo quanto agevolmente si potesse stare dentro una grotta a forno, esperienza sino allora a me negata dall'inaccessibilit delle nostre, quando un amico mi disse che me ne avrebbe fatte visitare di belle, al sito della Gurfa dirimpettaie, oltre la strada consolare e il Torto, lass, sulle verdi colline di...

Visitate, provate e fotografate grotte a forno e thloi, con nitide scritte fenicie; di nuovo in visibilio, avevo preso la penna per scrivere anch'io qualcosa su una questione spinosa d'alastri e masticogna, cos a me congeniale, quando, non so come, scivolai su un argomento, anch'esso antico e non meno nobile, a mio avviso, il forno a legna; e continuai la storia di Giuseppe. Il ragazzo era gi na menza cazzla quando si mise a fare il pastore. Va' ni la za Stella, gli aveva detto lu Mastru, che gli voleva bene come a un figlio, Va' ni la za Stella e ci stampi un furnu... Ma a Giuseppe ci fin cuomu a Mastru Cruca... Dopo aver costruito, mattone su mattone, la tholos, si la vitti sfunciari, con grande meraviglia della vedova e della figlia, che, intanto, si l'ava manciato c l'uocchi...

Giuseppe ci perdette la mezza reputazione che aveva, ma, per la misteriosa natura dell'amore, ci guadagn a Mica... Lu carusu s'era costruito, a la Muntagna, un pagghiaru tutto da s: casso, 'n petra e taju; carpa, cu' fraschi di fusti di zabbara, che fiorisce e muore ogni morti di Papa, e ciarana cu' rami di uscigghiu. Tetto mafiusu, a la saracina, c cannedda di sciumi liata c disa, e, sutta, stadda, separ, tannura e jazzu...
Giuseppe lasciava lu caciu a squarari e parta p lu paisi, p pustiari a Mica, arrietu la Matrici, a la nisciuta di la prima missa. Pagghiaru di prima carpa, niuru c ci `ncappa...: ma il ragazzo sapa unni ci durma lu liebbru, perch... Mica, la casa, ce l'aveva, con due scaloni di accesso ch'era un peccato pensare di romperli, tutt'e due, per lui, schietto, e lu nonnu, cattivu Diu provvidi p quantu viri, e Giuseppe, stu cannisciu 'ntrizzatu d'amuri e di 'ntressu, lo voleva vedere prima di Natale, assieme ai buccellati cotti nel forno di la za Stella, ca lu Mastru 'n persona sarebbe andato ad accomodare...

P Natali, signaliamientu; p Pasqua, matrimonio; p lu Pasqualuni, smarinatina, a lu Lavu, che Mica aveva ereditato dalla bonrma, buono come seminativo e p la muta di l'armli. Le pecore erano strippe nella stagione che seguiva il Corpus Domini e la tosatura, e Giuseppe mescolava il poco latte che ne ricavava con quello bovino per fame piccole pezze di cacio, uso casa. Quagghiava n la tina, dintra lu pagghiaru, circondato da cani e gatti, attrezzi e suppellettile varia, in ordine sparso e silenzioso. Rumpa la quagghiata c la ruotula, abbozzando un segno di croce, metteva acqua, appena pungente, n la tina, manipolava, incha la fascedda di tuma e premeva con delicatezza e vigore. Mitta la quarara supra la tannura, con la lacciata e un'aggiunta di latte e di sale, e arriminava c lu zubbiu di masticogna; e quando il liquido era prossimo all'ebollizione, versava l'agru, e la ricotta non tardava ad affiorare... Un poco di ricotta e sieru na lu piattu p la zabbinata, lu riestu, c la tazza, n la fascedda, e... cacciava p l'Alia...

Giuseppe aveva tutto pronto p fari un furnu a la Muntagna, in luogo riparato e solato, un p discosto dal pagliaio. Oltre al mulo, aveva parato, pure, una vacca per trasportare maruna e canali di lu stazzuni e ava cansiatu balata, rastieddu, pala e accupaluci da quando faceva il manovale...Prima cammerna stu furnu sv'a fari... sti scaluni, s'annu 'a rmpiri!... prometteva a se stesso lo sbarbatello, c l'uocchi di fora, e dava di picu nell'area destinata al forno. Venne Virz ad aiutarlo, socio e promesso compare d'anello, e gli port la novit di un cufinu che aveva intrecciato, con arte, come falso cielo della thlos, e sarebbe bruciato al fuoco di prova del forno...
La trovata del compare mise in disagio Giuseppe, che, ora, era sciente, non solo di come fare il cielo del forno, ma anche di come realizzare una calotta perfetta, cuomu la papalina di lu Nannu, grazie alla regola di lu parpagnu, e di come avrebbe funzionato il tiraggio, in armonia c la furnacella di la cucina, perch era ritornato na lu Mastru, cuomu na picuredda, per strappargli il segreto... E' vero ca mi lassasti, ma ja ti vuogghiu 'mparari cuomu si fa un furnu, ca masci cuomu masci, attenti pi all'estetica che alla statica e a li correnti d'aria, un sannu fari... Na vota appi a crriri p un furnu, ca misu a la prova, lu fumu ci nisca di la furnacella!...

Cos Giuseppe pot fare un forno a regola d'arte, secondo i principi dell'estetica e della fisica statica e aereodinamica... Mattoni interi e mattoni spizzicati c la martiddina. Un primo giro, con la cesura della virtuale bocca. Un altro, sovrapposto, di uguale diametro, e, poi, man mano, diminuendo, insensibilmente, guidato dal parpagno, come dalla bacchetta il monaco rabdomante, con un occhio, ogni tanto, al cufino, da canto, per compiacere il compare, sino ad arrivare al chicchirillo... Metti erva bianca, usi e favata / Lu furnu pronto, l'azienda, avviata... / Metti jnestra e rami di uscigghia / E pensa p la matri e p la figghia


Didacus
___________________________
pubblicato nel Periodico parrocchiale di Alia "LA VOCE" nr.1/96, pag. 7

 
     
Edizione RodAlia - 22/02/2014
pubblicazione consultata 1183 volte
totale di pagine consultate 860593
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -