Logo
.
...Data lunedì 26 febbraio 2024
...Visite ad oggi 929507  Visitatori
Logo
 

Ambito di Ricerca:Aspetti sociali, in genere
   
MEMORIE ALIESI IN PROSA_14
 
immagine allegata
"lu zzì Giurlannu" .. in
Piccola “recherche” aliese
_______________________


Dopolavoro e dintorni

“Maggiu vacci adagiu...”, “giugnu giugniettu, tuttu jettu”, “austu, riustu, capu di 'miernu...”

Trascorrevamo il tempo tra scuola, casa, chiesa e dopolavoro, dove lu zì Giurlannu lasciava, per un momento..., una Siemens per darci un cono-gelato da 20 o da 30, secondo le risorse delle tue tasche rigonfie di caddarizzi e rumariddina, per quanto giovane ancor fosse, aveva già un suo praeteritum tempus da raccontare, seguendo una logica consistente nel riportare alla luce dal fondo della sua memoria, cuòmu un quatu, c'un cruòccu di 'na lu funnu di 'na sterna, un ricordo, grazie ad una sensazione, in atto, che glielo richiamasse per somiglianza e per contrasto, e da questo fondo di pozzo, da piccolo Proust locale, traeva un mondo così variegato e avvincente che, se avevi ed hai la buona creanza, che, poi si trasforma in godimento estetico, di ascoltarlo, nulla da invidiare ai 7 tomi della “Recherche”...

E questo, in fondo, è rimasto il suo metodo: dal gusto freddo e dolce del gelato si poteva andare a finire, per esempio, alla rievocazione di li niveri di la Muntagna, di cui, grazie alla sua affabulazione, fatta di ritmi, lunghi silenzi, e veementi riprese, prodigate dal movimento della mano come per girare una manovella, per mettere in moto una macchina d'epoca o come di chi conosce, tra le tante arti, anche quella della mammàna, faceva e fa rivivere la temperie, attraverso flashback, lunghi 50 anni, almeno: “Brèbrìtèbrè, brèbrìtèbrè -” Virìti ca dumàni s' ànn 'a jri a jnchiri li niveri di la Muntagna... Si ci sù picciuotti, massàri e schiffarati... c'è d'arrizzulàri, 'mpagghiàri e ammataffàri...”

Si poteva procedere, per esempio, per contrasto : dall'afa di una giornata estiva si andava a paràri a la furtùra di certe giornate invernali, 'ni 'da purtedda di tramuntàna e di cifalutàna ca è lu cuòzzu di la chiazza... e di lì si andava al rigore o al tepore di certi jòviri di cummàri, jòviri grassu, martedì di lu picuràru, e cuòmu, 'na vota, a la nisciùta d'un suònu, si trovò l'uscio sbarrato da 'na 'mposta di manni di sarmenta e, 'n' autra vota, letteralmente murato da una abbondante e silenziosa nevicata...

Allora il racconto di lu zì Giurlannu, dipanando l'intricata matassa della memoria, rievocava una sequenza non del tutto felice di siràti di Carnilivàri di un periodo non ben definito, ma già lontano, di guerra o di subbugli: “Brèbrìtèbrè, brèbrìtèbrè... “Attenziòni, attenziòni... Virìti 'ca stasira c'è lu coprifuocu...e 'un puònnu circolàri ammonìti e mascarati...” .

Così trascorrevano gli anni ormai lontani, seppur vivi nella memoria, del primo decennio del secondo dopoguerra, quando già cresciuti maschietti e femminucce, che avevano sfilato nel regime come figli della lupa e piccole italiane, dai lunghi capelli lisci e corvini, biondi e riccioluti, cincischianti sulle spalle nella fattispecie di bùcoli, cuòmu cavatièddi, per i quali lo spartano governo chiudeva tutti e due gli occhi in grazia della loro tenera età (quale condiscendenza le dittature non mostrano per i bambini in divisa !), marciarono per la rinata fiamma, fino a quando non furono lusingati e distratti da una bandiera dal colore più vivo, chè la prima portava jella, e dai solfeggi e vocalizzi sullo spartito di “Giovinezza” passarono a marciare sul tempo di “Se non oggi, sarà domani...”


Didacus
___________________________
pubblicato nel Periodico parrocchiale di Alia "LA VOCE" nr.3/95, pag. 3


 
     
Edizione RodAlia - 22/02/2014
pubblicazione consultata 907 volte
totale di pagine consultate 860579
Copyright 2008- Ideazione e Coordinamento di Romualdo Guccione - Realizzazione tecnica del sito di Enzo Callari -